primo incontro OCIS
Lunedì 5 LUGLIO 2021 / ore 20:00 /LAB in Chiostri e ONLINE
1° incontro del Ciclo di Conversazioni “(RI)usciamo a parlare di Stato Sociale?” a cura dell’Osservatorio Internazionale per la Coesione e l’Inclusione Sociale

Ospiti: Jessica Di Cocco (Istituto Universitario Europeo) e Bernardo Monechi (Sony Computer science laboratories Paris)
Modera: Michele Raitano (OCIS -Universita di Roma Sapienza)

Ciclo di eventi a cura di OCIS, organizzato da Fondazione Easy Care in collaborazione con il Laboratorio Aperto dei Chiostri di San Pietro e Scuola Normale Superiore.
Per partecipare online o in presenza, presso il Laboratorio Aperto dei Chiostri di San Pietro, è necessario registrarsi all’evento.

Registrati qui

Evento 26 marzo
Evento online – Venerdì 26 marzo ore 9 – 13

In attesa della quarta edizione del festival Social Cohesion Days, prevista nel 2022, la Fondazione Easy Care presenta un incontro virtuale dal titolo “Il terzo settore e la gestione dei beni confiscati alle mafie: opportunità, regole, tempi e risorse”.

L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming dal Laboratorio Aperto dei Chiostri di San Pietro sulla pagina Facebook dei @socialcohesiondays e sul canale Youtube socialcohesiondays.

I lavori, condotti dal regista e attore Gabriele Tesauri, saranno aperti alle ore 9.00 dai saluti del presidente della Fondazione Easy Care, Raul Cavalli, a cui seguiranno le premiazioni del concorso nazionale “Quale coesione sociale”, iniziativa a cui hanno partecipato circa 400 studenti di 16 scuole italiane, chiamati a presentare progetti ed elaborati video e fotografici su temi della coesione sociale e cultura della solidarietà.

Alle ore 10, la proiezione del cortometraggio, diretto da Federico Caponera, dal titolo “Questo è lavoro” introdurrà quindi la seconda parte dell’iniziativa a cui partecipano Pierpaolo Farina, sociologo e direttore di WikiMafia, Libera Enciclopedia sulle Mafie, Stefania Di Buccio, avvocato e coordinatore della didattica del master di II livello in “Gestione e riutilizzo di beni sequestrati e confiscati. Pio La Torre” dell’Università degli studi di Bologna, Fabrizio Ramacci, vice presidente di Legacoop Emilia Ovest e presidente della Cooperativa L’Orto Botanico, Antonella Liotti, Referente dell’Associazione Libera di Piacenza, Ciro Maisto, consigliere del Consorzio Parsifal e presidente della Cooperativa Osiride, Lucia Lauro della Cooperativa Rigenerazioni di Palermo, Marta Battioni, Presidenza Nazionale Legacoopsociali con delega ai beni confiscati.

Gli interventi saranno alternati da letture tematiche curate dalla compagnia stabile di professionisti del teatro civile e della formazione NoveTeatro.

Le conclusioni, affidate a Pierpaolo Farina, chiuderanno i lavori della giornata.

Per maggiori informazioni scarica il programma cliccando qui

 

evento speciale SCD

Venerdì 11 settembre 2020 – La coesione ai tempi del Covid 19

Un evento organizzato per riflettere insieme sulle tematiche della coesione sociale durante e dopo la pandemia, in attesa della quarta edizione dei SCD a maggio 2022. La giornata vuole essere occasione di discussione, di confronto e di approfondimento per rielaborare e promuovere la progettazione dei servizi alla persona, tenendo conto del ruolo della cooperazione sociale nella società del dopo Covid 19. Tanti ospiti, buona musica e letture all’interno della splendida cornice dei LAB in Chiostri di Reggio Emilia.

PROGRAMMA
10 Apertura in musica
10.10 Introducono i lavori Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia e Raul Cavalli, Presidente Fondazione Easy Care
10.30 Matteo Jessoula, Professore Ass. di Scienze Politiche Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università degli Studi di Milano
11.15 Paolo Ricotti, A.D. ACLI Gestioni srl
12 Elisa Forlani, Direttore Generale IMA ITALIA Assistance
12.45 Eleonora Vanni, Presidente Naz.le LegacoopSociali
13.30 Pausa
14.30 Ripresa in musica
14.45 Introduzione della seconda parte
15 Placido Putzolu, Presidente FIMIV
15.45 Renato Marinaro, Responsabile Area Naz.le Promozione Caritas
16.30 Claudio Petronio, Presidente Ass. Home and Digital Care di Confindustria Dispositivi Medici
17.15 Simone Gamberini, Direttore Coopfond.
18 Ugo Ascoli, Sociologo
18.45 Saluti e chiusura in musica

Animano, conducono, moderano
Gabriele Tesauri, Massimo Campedelli e Leonardo Bianconi

Colonna sonora
a cura di Fabrizio Tavernelli Complesso e il duo 2Strings

I posti sono limitati, la prenotazione è obbligatoria. Per farlo occorre registrarsi su: https://doodle.com/poll/tcy6emu3v28yeq2t. L’evento sarà trasmesso in diretta dalla pagina Facebook @socialcohesiondays, dalle 10 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 19:30.

SCD rimandati

I Social Cohesion Days sono stati rimandati a maggio 2022

Il comitato promotore dei Social Cohesion Days, dopo lunghe riflessioni e nell’incertezza dei prossimi mesi, ha deciso di rimandare il festival. Non è stata una decisione semplice ma ci sembra la soluzione più responsabile per tutelare tutte le persone coinvolte. Nel frattempo abbiamo molte storie, tanti spunti e qualche sorpresa per voi. Continuate a seguirci!

E’ stata presentata presso i Chiostri di San Pietro, la quarta edizione del festival Social Cohesion Days. Alla presenza di ospiti e istituzioni – tra cui il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi – è stato  annunciato il programma dell’edizione 2020, che si preannuncia ricca di spunti e di tavoli tematici all’insegna dell’attualità e del dibattito pubblico che vede i giovani come protagonisti: voci e ai movimenti nati dal basso che stanno avendo un sempre maggiore impatto sull’opinione pubblica mondiale.


“La lezione dei figli. Generazioni che cambiano il mondo”. Questo il tema al centro della quarta edizione dei Social Cohesion Days, che si terrà dal 28 al 30 maggio 2020. L’intento è quello di indagare il ruolo di giovani e giovanissimi all’interno dei grandi movimenti d’opinione. Sono loro a prendere con forza la parola ed assumersi la responsabilità di guidare in prima persona il cambiamento, come ha sottolineato nel suo intervento Raul Cavalli, Presidente di Fondazione Easy Care: “Storicamente sono gli adulti che insegnano ai figli mentre oggi questo paradigma si è ribaltato, sembra infatti che i potenti siano la fonte principale dei problemi e i giovani, con il loro spirito e la loro forza di alzare la voce, siano impegnati nel risolverli”.

Gli ha fatto eco il sindaco Luca Vecchi che ha voluto porre l’attenzione sullo spopolamento delle città di medie dimensioni: “Se dovessi suggerire un tema per Social Cohesion Days parlerei di come costruire a livello europeo una rete delle città di medie dimensioni e di come renderle sempre più competitive rispetto alle grandi capitali globali che attraggono i nostri ragazzi, con il rischio di spopolamento di molte città più piccole”.

L’intento è quello di richiamare a Reggio Emilia i volti che si sono affermati al centro della scena internazionale, da Greta Thunberg con il suo movimento Climate Change a Alaaa Salah, diventata il simbolo della resistenza in Sudan o Nadia Murad, classe 1993, vincitrice del Nobel per la Pace 2018 e ambasciatrice ONU.

Anche quest’anno il festival mira a portare i temi della coesione sociale nelle piazze, cercando di avvicinare i cittadini, in particolare modo i giovani, a tematiche sempre più centrali per la nostra società, come già fatto nelle scorse edizioni quanto si è parlato di disuguaglianze, democrazia e “divisione imperfetta” con ospiti di primo piano, come ad esempio il premio Nobel per l’economia Amartya Sen, l’ex Presidente della Commissione Europea ed ex Presidente del Consiglio Romano Prodi e giornalisti del calibro di Ferruccio De Bortoli e Gad Lerner.

Tutto questo impegno è stato premiato di anno in anno da numeri sempre in crescita, con oltre 4 mila partecipanti nell’ultima edizione e tanti ospiti da tutto il mondo che hanno deciso di condividere la propria esperienza per lanciare esempi virtuosi e buone pratiche di coesione sociale.

Il cuore dell’evento saranno gli spazi dei Chiostri di San Pietro, un luogo vocato all’innovazione sociale e alla partecipazione. L’intera città sarà comunque coinvolta dal festival, che vedrà appuntamenti in tutto il centro storico e in location con un significato particolare per la coesione sociale. Ci saranno tre circuiti principali, dedicati ai diversi pubblici: appuntamenti istituzionali, workshop per addetti ai lavori ed eventi collaterali.

Questa quarta edizione – come detto – ha poi l’obiettivo, proprio per le tematiche affrontate, di coinvolgere, oltre agli “addetti ai lavori” (amministratori, manager, policy maker e tutti coloro che, a livelli diversi, lavorano nel Terzo Settore), i giovani, che rappresentano il futuro e lo sviluppo della coesione sociale. 

Il 21 febbraio il programma del festival è stato presentato in Corte Costituzionale e a Montecitorio

In attesa della quarte edizione del festival che si terrà dal 28 al 30 maggio 2020 a Reggio Emilia, i Social Cohesion Days hanno fatto tappa a Roma. Il 21 febbraio Fondazione EasyCare e Cultura & Solidarietà hanno incontrato la Corte Costituzionale per presentare ospiti e temi della quarta edizione dell’evento. Si è poi tenuto un incontro a Montecitorio, alla presenza di parlamentari e personalità delle istituzioni, sui temi della coesione sociale, in collaborazione con l’Onorevole Giusy Versace. “Il festival è nato dalla volontà di rimettere al centro del dibattito la coesione sociale, costruendo relazioni tra persone provenienti da settori e mondi diversi e accumunati dalla volontà di determinare un futuro più equo per la nostra società – ha spiegato Raul Cavalli, Presidente di Fondazione Easy Care e portavoce dei Social Cohesion Days -. Dopo aver portato la coesione sociale nelle piazze, nelle università, negli uffici pubblici e privati è arrivato il momento di portare il nostro lavoro anche all’interno del dibattito politico, per sensibilizzare chi è chiamato a decidere in merito al futuro del nostro Paese”.

Il tema dei Social Cohesion Days di quest’anno sarà “La lezione dei figli. Generazioni che cambiano il mondo”. L’intento è quello di indagare il ruolo di giovani e giovanissimi all’interno dei grandi movimenti d’opinione, oggi come nel passato, richiamando a Reggio Emilia i volti più significativi della scena internazionale, da Greta Thunberg con il suo movimento Climate Change a Alaaa Salah, diventata il simbolo della resistenza in Sudan o Nadia Murad, classe 1993, vincitrice del Nobel per la Pace 2018 e ambasciatrice ONU. Il festival prevederà vari momenti, dedicati a pubblici diversi: appuntamenti istituzionali, workshop per addetti ai lavori ed eventi collaterali.

La Fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili è stata rimandata a data da destinarsi

Spostata a seguito delle disposizioni relative al Corona Virus la tappa di Milano dei Social Cohesion Days, ospiti all’interno del palinsesto di “Fa la cosa giusta!”, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili.

“Fa la cosa giusta!” è un progetto della casa editrice Terre di Mezzo a FieraMilanoCity. Nata nel 2004 per far conoscere e diffondere sul territorio nazionale le “buone pratiche” di consumo e produzione, “Fa la cosa giusta!” si propone di valorizzare le specificità e le eccellenze, in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale.

Per maggiori info: https://www.falacosagiusta.org/