IL PRIMO FESTIVAL BIENNALE SULLA COESIONE SOCIALE

Il Paese ritrovato

Il Paese ritrovato

Il Paese ritrovato è un piccolo villaggio autosufficiente – nato da un’idea della Cooperativa la Meridiana – inaugurato a giugno 2018 a Monza, che rivoluziona il modo di intendere la cura e l’assistenza e offre alle persone malate di Alzheimer e demenza la possibilità di vivere in libertà e al tempo stesso di usufruire della necessaria assistenza e protezione.

Qui le persone hanno la sensazione di condurre una vita quasi normale, abitano in casette colorate, vanno a fare la spesa, si trovano al bar per parlare del più e del meno, vanno dal parrucchiere e anche in palestra.
Gli abitanti attualmente sono 32 (ma arriveranno a 64), tutti over 70 affetti da demenza lieve o moderata. Sono costantemente supportati da personale specializzato e seguiti attraverso dispositivi non invasivi sia di tipo ambientale (domotica avanzata) sia di tipo fisiologico (sensori indossabili), per garantire al contempo adeguato sostegno all’autonomia residua e un aiuto nelle difficoltà quotidiane. L’esperimento è monitorato dal CNR e dal politecnico di Milano.

Il primo villaggio Alzheimer è nato in Olanda nel 2009 a West, un comune vicino ad Amsterdam, e ospita 152 persone suddivise in 23 case. Anche qui gli abitanti vivono insieme, frequentano corsi e laboratori, negozi, cinema e teatro, gestiti da operatori specializzati in demenza. Non solo: nel villaggio ci sono anche un ristorante e un pub che sono aperti a tutti e dove, quindi, gli abitanti possono socializzare e conoscere le altre persone del quartiere.
Strutture simili sono in costruzione a Roma, Varese e in California.

Visita il sito del progetto

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.Aggiorna ora

×